Seleziona una pagina

Matera - Chiesa del Purgatorio


Ente di appartenenza: Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero – Matera

Chiesa confraternale

La costruzione della chiesa avvenne fra il 1725 ed il 1747, su disegno dell’ingegnere Fantone di Andria, con i finanziamenti della Confraternita del Purgatorio, dalla quale prende il nome.

In stile barocco, si trova nelle vie principali del centro storico della città.

La chiesa venne consacrata nel 1756 da Mons. Antonio Antinori.

L’imponente facciata arcuata convessa, realizzata, in stile barocco, da Vitantonio Buonvino e Bartolomeo Martemucci, è dedicata al tema della morte e della redenzione dell’anima, così come il portone principale, arricchito successivamente da teschi, rappresentanti prelati e popolani, ordinati in base alle offerte versate per la realizzazione della chiesa stessa.

Sul resto della facciata spiccano figure di penitenti, avvolti dalle fiamme, e cesti di frutta, culminati, nella parte più alta, da una statua che rappresenta la Madonna con il Bambino, con dei fiori ai lati.

Dei due portoni laterali, uno è stato murato ed ospita la statua dell’Arcangelo Raffaele; dalla parte opposta, in una nicchia, è collocato l’Arcangelo Michele, che impugna la spada ed è pronto a debellare il peccato.

Sul portale d’ingresso, è possibile osservare sia la data esatta del termine dei lavori di realizzazione (1747), sia un’incisione in latino: “Miseremini mei miserenimi mei saltem vos amici miei” ovvero “Abbi pietà di me, abbi pietà di me, o voi miei amici”.

Al suo interno, la chiesa si presenta con una pianta a croce greca, sormontata da una cupola ottagonale in legno, che poggia su un tamburo circolare con capitelli corinzi, realizzata da L. Sarra e N. Tatarelli.

E’ dotata di tre altari, arricchiti dalle tele rappresentanti la “Morte di San Giuseppe” (per l’altare a destra), “San Gaetano mentre intercede presso la Vergine Maria per le anime del Purgatorio” (per l’altare centrale) e “la Vergine Incoronata con San Nicola da Tolentino e le anime purganti” (per l’altare a sinistra).

Altre tele sono: “Il bacio di Giuda”, “Gesù durante la preghiera nell’orto”, “Gesù che cade sotto la Croce”, “La Crocifissione”, “Cristo Flagellato” e “La deposizione”.

 

 




Indirizzo:

Via Domenico Ridola, 45 - 75100 - Matera

Telefono:

Fax:

Email:

Sito web:


Orari Sante Messe:




Parroco:

Parroco in solidum (Moderatore):

Parroco in solidum:

Amministratore parrocchiale:

Vicario parrocchiale:

Vicario parrocchiale:

Collaboratore parrocchiale:

Collaboratore parrocchiale:

Rettore:

Responsabile:

Procuratore:

Cappellano:

Parroci precedenti:




Altre informazioni:



Mappa: